Guide di cammini con un taglio approfondito e diverso dalle consuete guide di viaggi e trekking. Sono cammini di almeno sette giorni a piedi, descritti in modo dettagliato da professionisti del settore, con mappe cartografiche, fotografie, approfondimenti culturali. Da una parte la professionalità e la precisione, dall’altra invece il taglio esperienziale, da viaggiatori viandanti; non quindi fredde guide turistiche che descrivono monumenti e percorsi, ma libri caldi, pieni di vita vissuta, con interviste a persone che sul cammino ci vivono, che hanno storie da raccontare, o eccellenze da mostrare.

 

Luca Gianotti – Alberto Liberati – Fabiana Mapelli

Il Cammino dei Briganti. 100 km a piedi tra paesi medievali e natura selvaggia

Il Cammino dei Briganti è un cammino nato dal basso, quasi per gioco, dalla passione degli autori, che hanno legato alcuni territori in cui l’epopea del brigantaggio e della ribellione ai Savoia, ha lasciato storie da raccontare. I paesi medievali poco abitati, le montagne selvagge abitate da lupi, la fauna selvatica con aquile e avvoltoi, l’ospitalità e la buona cucina, hanno consentito a questo sentiero di avere successo, ed essere frequentato da tanti camminatori italiani e stranieri negli ultimi anni. La guida contiene tutte le informazioni pratiche utili, i recapiti, i posti  tappa, le mappe, ed è ricca di storie che vale la pena leggere per convincersi a partire, o durante il cammino per capire meglio lo spirito del luogo.

mokupbriganti

Stefano Fazzioli

La Via degli Dèi

La Via degli Dèi è il percorso escursionistico che valica l’Appennino unendo Piazza Maggiore a Bologna a Piazza della Signoria a Firenze. Frequentata e ben conosciuta dagli Etruschi che vivevano in queste terre, divenne principale via romana di collegamento tra Bononia e Arezzo a partire dal 187 a.C., con il nome di Flaminia Militare, le cui vestigia accompagnano il viandante per lunghi tratti del percorso. Il cammino si snoda attraverso ambienti naturali unici in tutta Europa, come la riserva del Contrafforte Pliocenico, le architetture di sabbia e argilla di milioni di anni fa, ricche di fossili, ma anche i boschi appenninici di castagno e di faggio. Conduce il viandante per 130 km lungo crinali dalle viste mozzafiato, attraverso fitti boschi selvaggi e inaspettate radure, fino alle dolci colline toscane.

 

mokupvia

Anna Schievano

IL CAMMINO DI SANT’ANTONIO

Una novità nel mondo dei cammini: per la prima volta viene pubblicata una guida al Cammino di Sant’Antonio. L’itinerario parte da Camposampiero, la città del santo, si sviluppa in 23 tappe e dopo circa 450 km giunge a La Verna. Il percorso prevede il passaggio attraverso piccole e grandi città (Padova, Rovigo, Ferrara e Bologna) e siti meno noti e ancora immuni dal turismo di massa, incontrando aree protette meravigliose, come il Parco Regionale dei Colli Euganei, quello dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa, quello della Vena del Gesso Romagnola e quello imponente e spettacolare delle Foreste Casentinesi.

 

Layout 1