Collana GoWalk

GoWalk
La nuova collana dedicata a chi ha scoperto per caso o per necessità la bellezza e l’importanza del camminare. Camminatori più o meno laici, quasi mai professionisti, senza una meta precisa oppure con un obiettivo importante, ma soprattutto persone che hanno deciso di narrare la loro esperienza privata, personale, intima. Una collana popolare che vuole ribadire i numerosi significati e le diverse valenze che il camminare può avere nella nostra vita.

Julie Maggi
AVVENTURE SUL CAMMINO DI SANTIAGO

Per chi non è credente l’esperienza del Cammino di Santiago può essere sconvolgente in tanti modi diversi. Julie decide di partire senza una motivazione precisa, se non forse quella di sfuggire a una immagine di se stessa che non le va più bene. Quella che vivrà sarà un’esperienza a tutto tondo, un primo, indimenticabile, viaggio alla scoperta di se stessi. Quella di Julie è la storia di un Cammino che si fonde con decine di altri Cammini, quelli di tutte le persone incontrate nei 30 giorni passati sulle strade di una Spagna a volte estranea, a volte familiare, di certo mai scontata.

mokupsantiagoAndrea Vismara
LA MIA FRANCIGENA

Un uomo, laico convinto, rocker nell’animo, pendolare per amore, con il pallino della fotografia e una passione smodata per la cucina decide improvvisamente di mollare tutto: il lavoro stressante ma ben pagato, la città caotica e corrotta, una quotidianità stantia. Fin qui niente di nuovo, ma perché scegliere di percorre 913 chilometri a piedi su un sentiero religioso antichissimo? La risposta è questo libro, una divertente non guida sulla Via Francigena, uno dei sentieri più affascinanti d’Italia, sui suoi difetti e le sue bellezze.

 

mokupfrancigena

Fabrizio Pepini
con Massimiliano Cremona
CAMMINARE GUARISCE

Un libro autobiografico questo che racconta la storia di Fabrizio, un uomo che, quattro anni fa, ha scoperto di essere malato di una malattia incurabile che, di solito, porta alla morte nel giro di poco tempo. Fabrizio si è sottoposto alle cure mediche, ma ha deciso di affrontare la malattia anche in un altro modo: camminando. Un racconto potente e commovente, di come il camminare può anche guarire.

 

mokupcamminareguarisce

Giuliano Mari
A PIEDI CON ZIOBUIO FINO A ISTANBUL
Un naso rosso nel sole

Giuliano Mari è un camminatore solitario, da anni se ne va in giro a piedi per il mondo e per l’Italia. Questo è il racconto del suo cammino sull’antica via Egnazia, 1.156 chilometri a piedi in 36 giorni, da Durazzo a Istanbul, attraversando Albania, Macedonia, Grecia e Turchia.

 

mokupziobuio

Marco Dispenza
IN CAMMINO NELLE SCARPE DI MIO PADRE

Marco, un copywriter, e Alberto, un ingegnere, sono amici dai tempi dell’università e hanno dieci giorni di vacanza a disposizione. Mossi dal bisogno urgente di lasciarsi alle spalle la routine quotidiana, decidono di percorrere un tratto del famoso Cammino di Santiago: da Saint-Jean-Pied-de-Port a Burgos.

 

mokupdispenza

Pierluigi Bellavite
BALCANI SENZA BUSSOLA

Attraversare a piedi la wilderness oltre l’Adriatico: otto paesi considerati difficili, confini intricati, molta montagna, poche città. Da Trieste all’Olimpo, 1450 chilometri a piedi alle soglie dell’inverno, in 50 giorni.

 

mokupbalcani

Paolo Ciampi
PER LE FORESTE SACRE

Percorrere il Sentiero delle Foreste Sacre non significa infatti solamente attraversare alcuni dei boschi più belli e incontaminati del nostro Paese, ma anche tuffarsi in una spiritualità che arriva da molto lontano e che invita a passi che si fanno meditazione. Da un crinale a un eremo, tra Dante e San Francesco, tutto contribuisce ad alimentare un sentimento del sacro che dà forza al cammino e profondità al pensiero.

 

forestesacre

Oreste Verrini
LA VIA FRANCIGENA DI MONTAGNA

C’era una volta un fascio di strade. Attraversava luoghi selvaggi, borghi castellati di antica memoria e chilometriche mulattiere all’ombra di Appennini e Alpi Apuane: un territorio straordinario esteso tra la Lunigiana e la Garfagnana, nell’estrema punta a nord-ovest della Toscana.

montagna

Grazia Andriola
#STEPTOSTOPVIOLENCE. Un cammino in memoria delle vittime di femminicidio

Il 27 giugno 2016 Grazia Andriola ha cominciato il suo cammino dalla piazza della Basilica di Santa Maria Finibus Terrae, nell’estrema punta meridionale del Salento e della Penisola, e l’ha concluso, quattro mesi e 5.000 chilometri dopo, a Santiago di Compostela. Non è stato un cammino normale (ammesso che un cammino lo possa essere): Grazia ha infatti deciso di portare con sé un messaggio contro la violenza alle donne e contro il femminicidio, due delle peggiori piaghe sociali dei nostri tempi.

andriola